Parliamo un po' di AROMI

L'altra sera mentre seguivo un documentario che parlava degli aromi naturali, mi sono resa conto di quanto “ingenua” fossi.
Da tempo evito i prodotti contenenti aromi artificiali e faccio bene attenzione che se sul prodotto è annotata la parola “aroma” sia seguita da “naturale”. Senza la parolina “naturale”, lo lascio sullo scaffale.
Poi ieri, la doccia fredda! :-(


Vi consiglio di leggere il “collage” qui sotto e se avete voglia o tempo, andate a visitare le pagine da dove li ho estratti. E' interessantissimo …
Chiunque voglia correggermi o ampliare il tema, per favore non esiti a farlo...

DA: http://www.leziosa.com/aromi.htm
Al contrario degli ingredienti e degli altri additivi, gli aromatizzanti vengono indicati sull'etichetta dei prodotti alimentari a cui sono addizionati con la denominazione generica «aromi» per salvaguardare il prodotto da eventuali imitazioni. Il consumatore non è quindi in grado di conoscere dall'etichetta la composizione chimica esatta dell'aroma o della miscela di aromi utilizzati in quel determinato alimento.
Gli aromatizzanti possono essere indicati in etichetta come:

AROMI NATURALI
sono aromatizzanti naturali, ottenuti sia per estrazione che per sintesi, da piante o da animali. Spesso sono prodotti natural-identici, che presentano un costo inferiore rispetto alla sostanza aromatica estratta naturalmente.

AROMI
sono sostanze chimiche a carattere aromatizzante. Generalmente sono aromi artificiali.

DA: http://www.marcocorino.it/paradisi%20artificiali.htm
l'aroma naturale fragola non necessariamente conterrà sostanze presenti nel frutto, ma solo "composti dei quali in natura è accertata l'esistenza", non importa dove: nel sottosuolo, in un albero, in un mollusco (saranno anche naturali queste sostanze, ma meno naturale è mangiarsele). Per completezza, l'aroma naturale fragola si ottiene dai trucioli di un albero australiano, aggiungendo alcol, acqua ed alcuni altri ingredienti segreti (fonte Grimm).

DA: http://it.wikipedia.org/wiki/Aroma
Ecco un esempio di composizione dell'aroma fragola presente all'interno di alcuni frullati.
Composti simili vengono utilizzati per aromatizzare al gusto di fragola sia yogurt che caramelle, chewing gum ed altri prodotti.

amil-acetato, amil-butirrato, amil-valerato, anetolo, anisil-formiato, benzil-acetato, benzile-isobutirrato, acido butirrico, cinnamil-isobutirrato, cinnamil-valerato, olio essenziale di cognac, diacetile, dipropil-chetone, etil-acetato, etil-amilchetone, etil-butirrato, etil-cinnamato, etil-eptanoato, etil-eptilato, etil-iactato, etil-metilfenilglucidato, etil-nitrato, etil-propionato, etil-valerato, eliotropina, idrossifenilP2-butanone (soluzione al 10% in alcol), alfa-ionone, isobutil-antranilato, isobutil-butirrato, olio essenziale di limone, maltolo, 4-metilacetofenone, metil-antranilato, metil-benzoato, metil-cinnamato, carbonato di metil-eptina, metil-naftilchetone, metilsalicilato, olio essenziale di menta, olio essenziale di neroli, nerolina, neril-isobutirrato, burro di giaggiolo, alcol fenetilico, etere di rum, gamma-undecalattone, vanillina".

(tratto dal libro "Fast Food Nation" di Eric Schlosser)

 

foto di Natrij (http://it.wikipedia.org/wiki/File:TLC_black_ink.jpg)

Vai all'inizio della pagina
Privacy Policy