Barbara Castiglione

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Barbara Castiglione
 Sono docente per corsi di Zucchero Artistico a livello internazionale. Ho aprtecipato a diverse competizioni legate alla mia specializzazione ottenendo ottimi risultati, come la medaglia d'argento al Salone Culinario Mondiale Luxembourg 2014, due medaglie d'oro agli Internazionali di Cucina 2014 (Massa Carrara) ed un argento al Salone Culinario Mondiale di Basilea.
Leggi il mio profilo completo su Cake Design Italia
Qualsiasi teca va bene, purchè sia a tenuta stagna e dotata di sali o silica gel (che periodicamente vanno cambiati). Consiglio anche di spruzzare della gommalacca su tutta la scultura, in modo da creare una ulteriore protezione contro l'umidità.
La realizzazione di stampi ad hoc per le nostre opere in zucchero artistico è piuttosto semplice, basta apprendere la tecnica corretta.
Per lavorare l’isomalto occorre prendere confidenza con una serie di tecniche particolari. Conoscendo i segreti di ognuna sarà possibile realizzare delle decorazione di grande effetto. Nel corso di quest’opera impareremo ad utilizzarle in maniera corretta, partendo dalle più semplici per arrivare a quelle più complesse, che ci permetteranno di dar forma ad ogni nostra fantasia.
Anche nel settore dello zucchero artistico, per ottenere dei buoni risultati è opportuno dotarsi delle attrezzature fondamentali, qui di seguito descritte. Per iniziare è possibile rinunciare a qualche attrezzo accessorio e rimandarne l’acquisto solo se veramente interessati ad approfondire la tecnica e a realizzare soggetti più complessi. 

Il pastigliaggio è una pasta malleabile che si utilizza per diverse decorazioni come ad esempio fiori o sculture. Si presta ad essere steso in modo molto sottile e può essere colorato sia durante la preparazione che dopo. Ecco quattro differenti modi di realizzarlo:

L’isomalto ha praticamente sostituito l’utilizzo del saccarosio perché più semplice da cuocere, conservare e lavorare. I pezzi in isomalto se esposti all’umidità tendono a diventare opachi ma mantengono la forma; i soggetti in saccarosio tendono invece a sciogliersi, pregiudicando più seriamente la resa delle decorazioni.
Le potenzialità dell’isomalto, come vedremo, sono infinite e l’effetto finale delle opere in zucchero è molto simile a quello che si ottiene nelle vetrerie artistiche di Murano.
Sono rientrata da poco dal concorso che si è svolto presso il Salone Culinario Mondiale di Basilea dal 23 al 27 novembre 2013.

Ho presentato una pièce in zucchero artistico dal titolo Kalachakra Mandala 3D, conseguendo il riconoscimento della medaglia d’argento.
Dietro la realizzazione di questo particolare soggetto c’è stato un grande lavorìo, non solo fisico ma soprattutto interiore, che vorrei condividere con i lettori di Cake Design Italia.

Questa è la quarta ed ultima parte. Le precenti le trovi qui:

Il mio percorso nello zucchero artistico: "Va e cerca il tuo Naropa" - prima parte

Il mio percorso nello zucchero artistico: "Va e cerca il tuo Naropa" - seconda parte

Il mio percorso nello zucchero artistico: "Va e cerca il tuo Naropa" - terza parte 
Buona lettura!

Sono rientrata da poco dal concorso che si è svolto presso il Salone Culinario Mondiale di Basilea dal 23 al 27 novembre 2013.

Ho presentato una pièce in zucchero artistico dal titolo Kalachakra Mandala 3D, conseguendo il riconoscimento della medaglia d’argento.
Dietro la realizzazione di questo particolare soggetto c’è stato un grande lavorìo, non solo fisico ma soprattutto interiore, che vorrei condividere con i lettori di Cake Design Italia.

Questa è la terza parte. La prima la trovi qui, la seconda qui.
Buona lettura!

Sono rientrata da poco dal concorso che si è svolto presso il Salone Culinario Mondiale di Basilea dal 23 al 27 novembre 2013.

Ho presentato una pièce in zucchero artistico dal titolo Kalachakra Mandala 3D, conseguendo il riconoscimento della medaglia d’argento.
Dietro la realizzazione di questo particolare soggetto c’è stato un grande lavorìo, non solo fisico ma soprattutto interiore, che vorrei condividere con i lettori di Cake Design Italia.

Questa è la seconda parte. La prima la trovi qui
Buona lettura!

Pagina 1 di 2
Vai all'inizio della pagina
Privacy Policy