Antonio Daloiso è il Più Grande Pasticcere

Si è conclusa il 23 Dicembre 2014 la prima edizione del Cooking Show "Il più Grande Pasticcere", andato in onda su Rai Due in prima serata. I giudici Biasetto, Di Carlo e Rinaldini, coadiuvati da Iginio Massari per le prove in esterna, hanno incoronato Antonio Daloiso.

 La puntata finale del programma "Il più Grande Pasticcere" ha avuto un pubblico speciale nell'Accademia: gli sguardi amorevoli dei familiari ed il tifo degli altri concorrenti.

In finale due talentuosi pasticceri, che si erano fatti notare fin dalla prima puntata per il loro carattere e per le capacità artistiche e tecniche: Gianluca Forino ed Antonio Daloiso. Ma alla fine è stato proprio Antonio a vincere la competizione, aggiudicandosi il titolo di "Grande Pasticcere" e la possibilità di pubblicare un suo libro di ricette.

Le due prove finali a cui sono stati sottoposti i due pasticceri hanno permesso ai tre giudici Biasetto, Di Calro e Rinaldini di valutare i finalisti sugli aspetti fondamentali della pasticceria: il gusto, l'originalità e la capacità di presentarlo al meglio.

In particolare è stata proprio l'ultimissima prova a stabilire chi meritava il titolo: la creazione di un proprio dolce originale, un "marchio di fabbrica" che esprimesse con il proprio gusto le potenzialità future dei pasticceri in gara.

La torta di Antonio, "Africa", ha convinto i giudici.

antonio daloiso africa

Tra le mille emozioni della puntata - come la presenza di Davide Comaschi alla prova in esterna - sicuramente la commozione dello stesso Antonio è stata la più coinvolgente. E forse questo mix di bravura, follia e sensibilità è stato uno dei motivi che l'ha portato a vincere contro Gianluca, un rivale degno di questo nome per la sua bravura e la sua tenacia. 

Chi farà una passeggiata al Sigep Rimini 2015 avrà l'occasione di incontrare entrambi i finalisti del programma, perché sia Antonio Daloiso che Gianluca Forino sono stati chiamati dal Glamour Italian Cakes a fare da giudici per la Coppa Italia della Pasticceria Artistica 2015.

Sicuramente i loro differenti approcci alla pasticceria, ed il loro modo diverso di concepire un dolce e la sua decorazione, saranno molto interessanti sia per il pubblico che per i partecipanti alla competizione di quest'anno.    

 

Chi è Antonio Daloiso

Noi lo abbiamo definito "Il Dalì della pasticceria italiana", un po' per il suo look, un po' per il suo estro artistico. Fin dalla prima puntata ci ha colpito per l'attenzione ai dettagli a per la cura che ha sempre riposto nelle decorazioni e nelle presentazioni dei piatti. 

Figlio d'arte, dopo un periodo nell'attività di famiglia decide di girare l'Italia e l'Europa per migliorare le sue tecniche e le sue conoscenze. Oggi, a soli 25 anni, è titolare di una pasticceria proprio a Barletta. 

Si è specializzato nelle lavorazioni dell'isomalto, che richiede attenzione e dedizione, al punto che i suoi amici lo hanno soprannominato "isomà". Come ha raccontato anche nell'ultima puntata del programma, la sua carriera ha ricevuto una battuta d'arresto dopo un incidente che ha subito sul lavoro: si procurò infatti una brutta ustione proprio lavorando l'isomalto, ed i medici gli avevano dato poche speranze di recupero.

Questo accadeva prima del 2011, cioè prima della vittoria nel Campionato Mondiale Juniores di Pasticceria per la competizione a squadre.

La stessa caparbietà e voglia di superare gli ostacoli l'ha portato ad aggiungere anche questo ultimo riconoscimento agli altri già ottenuti negli anni. 

Ultima modifica il Giovedì, 15 Gennaio 2015 19:43

 

 

Vai all'inizio della pagina
Privacy Policy